Area Riservata (Pazienti e Medici)

Username:

INVIA

Password:

. Home Page   info@alexcastagna.com

CHIRURGIA
RIABILITAZIONE

Le patologie di spalla

La lussazione di spalla

I depositi di calcio nella spalla

La sindrome di conflitto e patologia della cuffia dei rotatori

I traumi dell'articolazione Acromion - Clavicolare

L'artrite della spalla

La capsulite adesiva o "spalla congelata"

La chirurgia artroscopica di spalla

Le rotture del labbro glenoideo e lesioni slap

Le lesioni ed infiammazioni del tendine del bicipite

The Shoulder market
Congressi
Link utili
Come raggiungerci

« Home Page | Le patologie di spalla | La chirurgia artroscopica di spalla

Domande e Risposte su: La chirurgia artroscopica di spalla

Ospedalizzazione

A seconda delle possibilità organizzative della struttura ospedaliera l’ospedalizzazione del paziente può avvenire o la mattina stessa dell’intervento chirurgico o, in casi selezionati, la sera prima dell’intervento. Sarà il medico ad indicare l’esatto momento per il ricovero. Al ricovero seguono gli esami routinari pre chirurgici (elettrocardiogramma, esami emato chimici, radiografie, …) Il tipo di anestesia, sia essa generale o loco regionale, verrà discussa con l’anestesista in questa fase. L’intervento viene effettuato in una sala chirurgica standard normalmente attrezzata e con personale infermieristico e anestesiologico presente. L’intervento dura da 45 minuti a un’ora e mezzo circa, a seconda della patologia da affrontare. Al momento dell’intervento parenti ed amici possono attendere nelle apposite sale attesa predisposte nella struttura. Immediatamente dopo il completamento dell’intervento il chirurgo medica le ferite con una morbida medicazione compressiva piatta. Dopo l’intervento segue un periodo di osservazione in una sala adiacente alla sala operatoria dove vengono tenuti sotto controllo i segni vitali. Molti pazienti vengono dimessi il giorno stesso dell’intervento od al massimo il giorno dopo. Dopo l’intervento non si è in grado di guidare autoveicoli da soli e quindi è necessario organizzarsi preventivamente i trasporti per il rientro a casa.

Il dolore

Al momento della dimissione vengono prescritte medicine da assumersi per via orale, è FONDAMENTALE INFORMARE I MEDICI IN MERITO AD EVENTUALI ALLERGIE. L’applicazione di impacchi freddi sopra l’area trattata chirurgicamente durante le prime 48 ore post chirurgiche ridurrà il gonfiore ed il fastidio. E’ importante ricordarsi di NON ASSUMERE farmaci contenenti ASPIRINA poiché potrebbero aumentare i sanguinamenti post operatori.

Le ferite chirurgiche

La medicazione imbottita lasciata dal chirurgo potrà essere sostituita dopo 48 ore da grossi cerotti piatti, qualora ciò non venga già fatto in clinica, per proteggere le suture degli accessi chirurgici. Le suture degli accessi chirurgici, effettuate con punti esterni tipo SteriStrips non devono essere rimosse a meno che non si stacchino spontaneamente. Per alcuni giorni dopo l’operazione deve essere considerato normale il fatto che gli impacchi ed i cerotti che coprono le ferite si macchino di un liquido di drenaggio. C’è spesso anche la sensazione della presenza di un fluido all’interno dell’articolazione, che verrà poi normalmente riassorbito. Se si presentano formicolii, intorpidimenti, febbre, dolore importante, preoccupanti sudorazioni o se avete ogni tipo di domanda in merito al vostro stato di salute nella fase post operatoria prendete contatto con il vostro medico di fiducia.

Pulizie personali

Per i primi giorni dopo l’operazione è prudente non bagnare le ferite, almeno fino a quando non è stato effettuato il controllo presso lo studio del chirurgo.

Riabilitazione

La ginnastica riabilitativa dell’arto operato è fondamentale per il recupero della sua funzionalità. Affidatevi agli specialisti indicati dal vostro chirurgo per ottenere un programma personalizzato di riabilitazione in funzione delle vostre condizioni, della patologia che è stata trattata e della tecnica operatoria utilizzata.

Particolari attenzioni

Nonostante le incisioni sulla pelle per le vie di accesso chirurgico siano molto piccole, voi avrete in ogni caso effettuato un intervento chirurgico all’interno dell’articolazione. L’esperienza oramai maturata in questo campo della chirurgia hanno mostrato come servano varie settimane per ottenere una cicatrizzazione dei tessuti intra articolari fino al raggiungimento della definitiva riparazione nell’arco di alcuni mesi. Pertanto è raccomandata l’adozione di un atteggiamento prudente nell’uso dell’articolazione rispettoso delle indicazioni personalizzate fornite dal chirurgo o dai suoi collaboratori.

  © 2006 Alex Castagna - Tutti i diritti riservati

Internet & Web design by Nitris s.r.l.